JITSI: per videoconferenze, open source

JITSI

E’ un’applicazione completamente gratuita, open source, multipiattaforma, che non richiede nessuna iscrizione o creazione di account e non richiede di installare alcun software… ed è molto facile da usare.

Jitsi è disponibile sia come app mobile (iOS, Android) che come che come applicazione desktop (Windows, Mac OS X, Linux).

L’aspetto sicuramente interessante è che è utilizzabile anche dal browser senza nessuna installazione, basta semplicemente andare all’indirizzo web https://meet.jit.si/.

Dalla pagina web meet.jit.si è possibile creare la propria riunione assegnandogli un nome. Premendo sul tasto GO verrà avviata subito la videoconferenza.

Non occorre registrarsi, né fornire un indirizzo email: tutto quello che serve è davvero solo dare un nome alla propria “stanza” e condividere il link che ci verrà fornito con i partecipanti con cui vogliamo riunirci.

Anche per gli invitati alla videoconferenza non serve altro che il link, un web browser o l’app mobile: non c’è null’altro da scaricare, non servono plug-in e non ci sono form da compilare.

Tra le cose più interessanti segnaliamo la possibilità di trasmettere la videoconferenza in diretta su YouTube e la possibilità di registrare la sessione. La registrazione della videoconferenza è possibile collegandosi con il proprio account Dropbox.

Jitsi può ospitare fino a 200 partecipanti (fonte jitsi.org), anche se è ovvio che non è pensabile di poter gestire una videoconferenza con troppi partecipanti!

Nel breve tutorial proposto dalla prof.ssa Valeria Pancucci la presentazione di Jitsi come strumento utile per avviare video chat di classe (durata 9’16’’).

Altre istruzioni su wikibooks.

Visita anche informatica37.

Per una migliore performance è consigliato l’utilizzo di Google Chrome.

(aggiornato al 19 aprile 2021)
(Rielaborato da: cybersecurity360.it, imparaqui.it, aranzulla.it, infonotizianews.it, orizzontescuola.it)